Vuoto

settembre 20, 2008 § 2 commenti

Sguardi
parole
lacrime
attese
notti senza stelle.
Il tuo dolore
era il mio.

Lampo
che acceca
la tua bugia,
il pugnale
che sfinisce
il tuo tradimento.

Ora inseguo
la mia stella
per non smarrirmi
nell’oscurità
del tuo vuoto d’amore.

Annunci

Piccoli gesti

settembre 14, 2008 § Lascia un commento

H.13,00 alla ricerca di un parcheggio .
“Eccone uno, un po’ stretto ma ci posso stare.”
Il ragazzo nero con la sua cassetta, il suo mercatino, mi indica con la mano: “avanti, avanti”
e io gesticolando a mia volta: “aspetta devo chiudere lo specchietto”
e lui con la mano “avanti avanti ci stai”
io: “ok” ….. crasch!………….addio allo specchietto della Polo a fianco ….. .
” ..azz sono già in ritardo!…”
Il ragazzo è imbarazzato, ci guardiamo.
Frugo nella borsa in cerca di una penna, .. figurati se nella mia borsa stracolma c’è quello che mi serve… ,
chiedo al ragazzo se ha una penna, alza le spalle..
Ok, uso la matita per gli occhi, non posso andarmene senza aver lasciato il mio numero e le mie scuse.
Appartengo alla categoria dei gonzi.

Qualche giorno dopo squilla il telefono:
– “Ciao sono Mara, la proprietaria della Polo.”
– “ Scusa Mara ero di fretta…”
– “Non ti preoccupare sei stata corretta a lasciare il tuo numero, altri non lo avrebbero fatto.
Prima di passare dall’assicuratore volevo darti la cifra del preventivo … ”
Penso :”ecco… ora mi spara una mega cifra gonfiando il preventivo … fregata  anche questa volta”
– “Non è da cambiare lo sistemo, sono 40 euro, ….faccio la pratica con l’assicurazione?”
– “…No, ci vediamo e ti do i 40 euro. Grazie Mara e scusa ancora”
sorrido sono contenta. Sarebbe tutto normale, se l’onestà non fosse una virtù ormai rara.
Mara, sei un angelo …ci voleva  una ventata di aria pura.

Capita …

settembre 9, 2008 § Lascia un commento

…..capitano cose strane.
Capita, che devi prendere delle decisioni non “Politically Correct” e quindi non facili. Capita, che devi dire a qualcuno che si deve chiudere un reparto, “da domani a casa!”.
Lo sai tu, loro ancora no.
Capita, che puoi salvare uno di loro, guardi la lista, la riguardi, scegli. La tua scelta cade sul più meritevole o su chi ha più bisogno? …No!, cade sulla persona che indirettamente per parentela, è legato a chi ti aiutato in passato. Indirettamente scegliendo quella persona vuoi sdebitarti di ciò che hai ricevuto. Ti senti un po’ stronza, sai di farlo per mettere a tacere un pezzo di coscienza, l’altro pezzo di coscienza ti dice cose diverse. Lo fai lo stesso.
Lo chiami, non gli spieghi perché, gli dici vieni a lavorare qui. Viene, dopo mezza giornata ti dice “non mi piace”, gli dici “provaci”. Il giorno dopo ti dice “non mi piace”, lo guardi dritto negli occhi “provaci, ascoltami, .. (vorresti dirgli fidati, ma pensi anche agli altri che perderanno il posto, e che stai facendo un favore a qualcuno e non è giusto) “. Mi dice o mi ritrasferisci o do le dimissioni; Ci provi ancora, “ripensaci dammi retta resisti” “NO, o mi trasferisci o me ne vado”.
…“Ok, ti trasferisco”.
La sera esco, è fuori a fumare la sigaretta, mi si avvicina e mi dice: “grazie”, abbasso gli occhi: “di niente”.
Domani quel grazie diventerà “che stronza!”.
Ho pensato si “stronza” per lui, ma più leggera.. Quel posto toccherà a qualcun altro.

Capita….,  capita a volte di pestare una merda ….!!
Citando il grande filosofo ……………………………………Immagine alloggiata da servimg.com

Rosso battaglia

settembre 2, 2008 § Lascia un commento

thumbnailca94dn9hSono così contento di essere rosso!
Mi brucia dentro, sono forte, so di attirare l’attenzione,
so anche che non riuscite a resistermi.
Non mi nascondo,
per  me la finezza non si ottiene con la debolezza o fragilità,
ma con la decisione e la forza di volontà.
Mi faccio notare. Non ho paura degli altri colori,
delle ombre,della folla della solitudine.
 Com’è bello riempire lo spazio con il mio fuoco.
Dove mi espando io,gli occhi brillano,le passioni si fortificano,
le soppraciglia si alzano,i cuori battono forte.
Vivere è vedere.com’è bello vivere. io vedo ovunque.
Esiste un unico rosso e bisogna credere solo in quello.
 Non si può raccontare il rosso a chi non lo vede.
 Il mondo è a partire dal mio color sangue.
Chi non vede lo nega, ma io sono ovunque
 
Tratto da “Il mio nome è rosso” di Orhan Pamuk

La danza dei fiori

settembre 2, 2008 § Lascia un commento

Finita la salita ecco la roccia dove riposare.
Si vede la pianura.Mi siedo e chiudo gli occhi.

Il tepore del sole scioglie l’anima
e dirada la nebbia.
Un soffio di vento mi accarezza il viso.

Voci lontane,
apro gli occhi.

La brezza muove gambi di fiore,
seguendo  la loro danza,
ascolto le note del silenzio.

E in questo immenso,
vorrei essere
il soffio di vento  e il tepore del sole,
la carezza e l’abbraccio.

L’equilibrista

settembre 1, 2008 § Lascia un commento

Fermo sulla corda dell’attesa,thumbnailcawv7lrl
il cuore in tumulto,
preda della vertigine,
aspetto i giorni che verranno,
ma a volte sospeso in equilibrio
sfido l’abisso su di un filo di speranza
e mi esibisco con quattro amici saltimbanchi,
mi commuovo con loro
se mi riesce di non cadere
nel vuoto senza rete.
Con la mente saltello sul filo
strappando attimi alla vita.
M. Agazzi

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per settembre, 2008 su I miei passi.