novembre 21, 2009 § Lascia un commento

Annunci

domenica 15 novembre

novembre 16, 2009 § Lascia un commento

Due passi

novembre 16, 2009 § Lascia un commento

E’ un po’ come avere scoperto di non poter volare solo agitando le braccia e non accettare questo dato di fatto. Ed invece l’uomo è riuscito a volare proprio quando, dopo avere accettato l’idea che esistevano delle leggi naturali che impedivano o consentivano il volo, a seconda della specie, è riuscito, studiandole, a svelare le leggi sulla gravitazione dei corpi e sull’aereodinamica. Accettando allora la sua natura e imparandone le particolari leggi è riuscito ad alzarsi in volo. Si è così  liberato allora di una sua visione mitologica del volo (il mito di Icaro), ed è riuscito a superare i limiti della propria specie. Dal punto di vista del determinismo sociale non ha senso illudersi di poter trovare la propria libertà attraverso la negazione degli altri (l’individualismo è solo una forma di alienazione, e quanto più diventa egoismo tanto più si trasforma in solitudine), o solo attraverso la competizione sociale che porta allo scontro in senso marxista, ma sarà necessario capire le leggi che regolano la vita sociale, leggi che attengono al funzionamento della struttura sociale, ma anche alla biologia ed alla psicologia individuale e collettiva [..] Potremo allora affermare che pur non riuscendo a liberarci dell’istinto all’aggressività, grazie alla conoscenza delle leggi psico-biologiche che lo inducono, saremo riusciti a superarlo, non semplicemente negando vanamente gli altri ma comprendendo quanto di comune abbiamo con gli altri. La libertà quindi è solo un mito, ed un mito che perseguito acriticamente porta alla negazione degli altri; ciò che invece ci rende responsabili ed in grado di scelte autonome è la conoscenza. Per concludere possiamo affermare con J. Sauvan che: “La libertà comincia dove finisce la conoscenza”, ma anche che senza conoscenza non vi è libertà di scelta.  (Henry Laborit)

L’anima salva

novembre 7, 2009 § Lascia un commento

15082009-15082009-DSC_0300

Perù - agosto 2009

 

L’anima salva 
si accompagna
al nunzio dell’ombra
e al latore di luce
non concede il passo
al disincanto e all’illusione
e in indivisa pace
si ricongiunge al mondo

Requiem

novembre 4, 2009 § Lascia un commento

 ed ecco per te il mio requiem senza parole con la bocca piena di erba e di felci azzurre ecco il mio requiem della corifera che non è creduta, della Cassandra che è vilipesa magnifico esempio di segreta impresa tu solo mi esalti e mi incanti perché sei colui che non si può prendere ed essendo fermo sulle rive del Gange in perenne contemplazione aspettando che passi la pagliuzza d’oro della conoscenza e dell’era eterna tu che sei scaltro più della pietra e più duro del sasso e che pensi perennemente pensi alle ere pitagoriche e che veneri Socrate e che infine sei Paolo di Tarso atterrato dalla fede infinita ebbene io ti disarcionerò dal tuo cavallo d’amore filiale desiderante farò di te un martire dell’ombra perché il segreto della tua tristezza è l’ordine e il disordine delle cose create perché io non sono dissimile a tua madre a Cerere eterna e infine sono anche la primavera che si mette sugli alberi insieme alla rugiada e tu ami la rosa della vergogna che mi trovo appuntata sul petto e tu le esalti e le scorri con le tue dita feconde. Potessi così capire il mio desiderio che si apre il fiore della carne infinitamente bella e trovarvi dentro il seme insaziabile dell’amore e dell’ebbrezza potessi sprezzante te spargere sangue insieme disseminare la discordia degli abissi perché sei il murmure pieno e il precipizio delle albe e perché infine tu conosci il senso della bellezza. Io aborro pensare ma aborro anche muovermi nel caos infinito. (A. Merini)

R.M. RILKE Appunti sulla melodia delle cose.

novembre 3, 2009 § Lascia un commento

11082009-11082009-DSC_0861

Perù - agosto 2009 - L'Oceano

XXXVII Tutti i loro errori e dissidi derivano dal fatto che gli uomini cercano in se stessi l’unanime concordanza e mai nelle cose che stanno dietro di loro, nella luce, nel paesaggio, nel principio e nella fine. Così facendo perdono se stessi e non ottengono nulla. Si mescolano perché non sono capaci di unirsi. Si sostengono l’un l’altro e tuttavia il loro passo è incerto perché, deboli, entrambi vacillano; e in questa reciproca volontà di sostenersi disperdono tutta la loro forza così da non poter percepire nemmeno l’eco del frangersi di un’onda che giunge da fuori.
11082009-11082009-DSC_0853

Perù - agosto 2009 - L'oceano

XXXVIII Ogni forma di comunanza presuppone, tuttavia, una moltitudine di diversi esseri soli. Prima di loro stava semplicemente un tutto, privo di ogni relazione, compiuto in se stesso. Non era povero né ricco. Nell’istante in cui alcune sue parti si sono staccate dall’unità materna per crescere lontane, il tutto è entrato in contrasto con loro. Ma non gli sfuggono completamente. La radice nutre i frutti anche quando no sa della loro presenza.

XXXIX Noi siamo come i frutti. Pendiamo da pochi rami intrecciati e ci accade di sfiorare molti venti. Quel che noi possediamo è la nostra pienezza matura, il dolce succo e la bellezza. Ma la linfa che ci fortifica scorre in unico tronco da una radice lontana che si è fatta immensa passando tra i mondi e in tutti noi. E se vogliamo testimoniare della sua potenza, ciascuno di noi dovrà disporne secondo la natura particolare della propria solitudine. E quanti più sono i solitari, tanto più grande sarà la solennità, la commozione e il potere della loro comunanza.

11082009-11082009-DSC_0824

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per novembre, 2009 su I miei passi.